Prospettive di crescita per il turismo invernale in Svizzera. E le scuole di sci promettono: “Imparerete a sciare in tre giorni”.

“Faremo di voi un talento!” È questa la promessa che le scuole di sci fanno ai turisti che sceglieranno come meta delle loro vacanze invernali le alpi svizzere. Più in particolare a chi vuole imparare a sciare o tornare a farlo.

Le scuole di sci svizzere lanciano quindi la sfida: imparare a sciare in tre giorni. In caso di progressi insufficienti, si impegnano ad offrire un corso di recupero gratuito. L’offerta è diretta a principianti e a chi riprende a sciare dopo un periodo di inattività e prevede quattro lezioni private al giorno. L’obiettivo? Scendere a sci paralleli su una pista blu facile.

Questa proposta è solo una delle iniziative della campagna di promozione turistica che l’organizzazione Suisse Tourisme ha messo in campo per la stagione invernale alle porte.

Suisse Tourisme ha lanciato la promozione: “Upgrade your ski day”. Valida in trenta aree sciistiche permette di raggiungere gratuitamente le cime il giorno prima della validità del proprio skipass giornaliero, dalle ore 15. Saranno inoltre 3000 i chilometri di sentieri segnalati per passeggiate, escursioni con le racchette, sci di fondo e slittino. A gennaio sarà anche disponibile un’applicazione online.

La campagna “Upgrade your winter” e il suo film promozionale, puntano tutto sull’elevata quota delle montagne e dei comprensori sciistici svizzeri in un contesto fiducioso grazie alle prospettive di crescita delineate dall’Istituto economico svizzero, KOF .

Si prospetta, infatti, un aumento della presenza turistica nelle alpi svizzere del 3,7 per cento. Già nella scorsa stagione i turisti che avevano scelto la Svizzera per le loro vacanze invernali erano cresciuti del 2 per cento.

“Stiamo entrando nell’inverno del 2017/18 con grande fiducia”, ha dichiarato il direttore di Suisse Tourisme, Jürg Schmid. Un ottimismo avvalorato dal fatto che anche un franco indebolito e un euro più forte potrebbero far propendere i turisti a scegliere le alpi svizzere.

“Abbiamo bisogno di turisti europei – ha aggiunto Schmid – vengono più spesso di altri e non vanno solo nelle grandi località. Il loro numero non raggiungerà per molto tempo i livelli registrati prima della crisi dell’euro ma la Svizzera dovrebbe recuperare, nei prossimi anni, fino al 15 per cento dei clienti europei persi”.

j.c.

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *