Funzionario accusato di aver provocato un aborto a una cittadina siriana in transito tra la Francia e l’Italia. A breve il dibattimento.

Avrà inizio il 22 novembre il dibattimento di fronte al Tribunale militare 4 nei confronti di un membro del Corpo delle guardie di confine accusato di aver provocato un aborto a una cittadina siriana in transito tra la Francia e l’Italia.

A darne notizia è l’Ufficio dell’uditore in capo – Guistizia militare in una nota

Il funzionario del Corpo delle guardie di confine svizzere è ritenuto responsabile del decesso della bambina non ancora nata di una cittadina siriana.

La donna faceva parte di un gruppo di profughi che il 4 luglio 2014 era in transito tra la Francia e l’Italia. Da Vallorbe a Domodossola, il gruppo era sotto la custodia delle guardie di confine svizzere.

Il dibattimento avrà inizio mercoledì 22 novembre 2017 alle 08,30 presso il Tribunale amministrativo del Cantone di Berna, Speichergasse 12 a Berna. Il processo sarà aperto al pubblico e durerà tre giorni. Il Tribunale militare 4 sarà presieduto dal colonnello Alberto Fabbri.

swissnews24.ch

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *