È italo-svizzero il nuovo sindaco di Ginevra. Domani la cerimonia di investitura

Il suo nome tradisce entrambe le sue origini italo svizzere. Guillaume Barazzone, domani sarà investito ufficialmente della carica di primo cittadino di Ginevra. Tutta la popolazione ginevrina è invitata a partecipare alla cerimonia che inizierà alle 19 lungo la promenade de la Treille.

La storia della sua famiglia rima con immigrazione e successo. Fa parte della terza generazione di immigrati.

Guillaume Barazzone, 34 anni, di professione fa l’avvocato. Ha già una lunga carriera in politica alle spalle nelle fila del Partito Popolare Democratico e degli studi nelle migliori università internazionali. È membro del consiglio amministrativo della città di Ginevra dal 2012 e membro del Consiglio nazionale, la Camera bassa del Parlamento svizzero, dal 2013. Ha studiato all’Università di Ginevra dove ha ottenuto la laurea triennale in giurisprudenza. Poi ha proseguito gli studi alla Columbia Law School di New York.

Dal 2012, è stato selezionato al “Forum dei 100” che riunisce le più importanti personalità della svizzera romanda.

La sua elezione al consiglio amministrativo della città di Ginevra mette fine all’assenza ventennale del Partito Popolare Democratico nel governo della città.

Tra le sue principali riforme si annoverano l’aumento del numero degli effettivi della polizia municipale da 110 a 156, l’inaugurazione di una nuova stazione di polizia nel quartiere Les Acacias, tra Ginevra e Carouge, la concretizzazione di un partenariato pubblico-privato per la rivegetazione di Ginevra con 250 nuovi alberi piantati nella città, interventi volti a migliorare la pulizia oltre all’apertura di uno spazio dedicato al Food Truck.

Guillaume Barazzone rimarrà in carica un anno.

Jessica Cavallero

Foto: Guillaume Barazzone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *